04 Giugno, 2019

Golden Gala, Master in pista all'Olimpico

Giovedì 6 giugno in programma sei gare dedicate agli atleti “over 35”: 100, 400 e miglio, maschili e femminili

di Luca Cassai

 

Anche quest’anno il Golden Gala Pietro Mennea sarà un evento per tutti. Nel pomeriggio di giovedì 6 giugno, allo Stadio Olimpico di Roma, torneranno le gare dedicate agli atleti master per la sesta volta di fila. Non solo un preludio al meeting internazionale della IAAF Diamond League, ma un’occasione per partecipare sulla pista che poco più tardi accoglierà le stelle dell’atletica mondiale. Complessivamente si svolgeranno 6 gare “over 35” a invito, tenendo conto soprattutto dei risultati ottenuti nella rassegna tricolore indoor che è servita come prova di selezione.

 

Tra le competizioni più attese c’è il miglio maschile, alle 18.35, in cui Davide Raineri potrebbe andare in caccia del crono. Un grande talento a livello giovanile, azzurro ai Mondiali juniores nel ’92, che ha ripreso dopo vent’anni di stop e nella scorsa stagione ha realizzato tutti i limiti nazionali di categoria nel mezzofondo outdoor. Nel 2018 il lombardo del Cs San Rocchino ha corso in 4:16.16 sulla classica distanza anglosassone dei 1609,34 metri a Carate Brianza, il 13 ottobre, ad appena sette centesimi dal record mondiale M45 stabilito con 4:16:09 dallo statunitense Tony Young il 31 maggio 2008 a Gresham, in Oregon. Al via quindi Giuseppe Ugolini (Olimpia Amatori Rimini), campione mondiale indoor degli 800 M55, ma anche Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona), che alla rassegna iridata di Torun si è messo al collo tre medaglie fra cui l’argento nei 3000 M40.

 

L’apertura sarà invece alle ore 18.05 con i 400 femminili che vedranno in azione Cristina Sanulli (Atl. Endas Cesena), vincitrice un anno fa dei 100 metri al Golden Gala e stavolta alle prese con il giro di pista, che ha conquistato due medaglie di bronzo agli Europei in sala dell’anno scorso (200 e 4x200 W45) oltre che l’oro mondiale della 4x400 W40 nel 2015. Se la vedrà tra le altre con Veronica Marchesini (Athletic Lab Amelia), tricolore al coperto dei 400 SF40.

 

Dieci minuti più tardi, alle 18.15, toccherà ai 400 maschili con Alfonso De Feo (Liberatletica Roma), due volte d’oro agli Europei indoor della passata stagione grazie ai successi nei 200 M50 e nella staffetta insieme a Claudio Fausti (Atl. Virtus Castenedolo), senza dimenticare Massimiliano Poeta (Atl. Fabriano), bronzo quest’anno ai Mondiali indoor nei 400 M45. Per il mezzofondo si correrà anche il miglio femminile, alle ore 18.25, che schiera Simona Prunea (Gs Orecchiella Garfagnana), argento iridato nei 10 km di corsa su strada W45 dopo i tre ori della precedente edizione in sala, e Cinzia Zugnoni (Gs Csi Morbegno), terza nel cross W45 ai Mondiali di Malaga, oltre a Cristina Gallì (Atl. Virtus Castenedolo), bronzo iridato indoor nella staffetta W50, e alla pluricampionessa europea Elena Fustella (Atl. Lecco Colombo Costruzioni, SF55).

 

Poi le spettacolari sfide della velocità, con i 100 femminili (ore 18.45) che annunciano alla partenza Miriam Di Iorio (Unione Atl. Abruzzo), bronzo mondiale in sala nella staffetta 4x200 W50, e la milanese Denise Neumann (Atl. Ambrosiana), ex iridata dei 200 indoor. Ai blocchi due sprinter già azzurre a livello assoluto: la siciliana Maria Ruggeri (Atl. Villafranca), titolare della 4x100 agli Europei di Budapest nel ’98 prima di diventare campionessa mondiale master della 4x400 W40 nel 2015, e Annalisa Gambelli (Sef Stamura Ancona), argento nella staffetta W50 agli Europei indoor del 2016. Tra le protagoniste anche Serena Caravelli (Atl. Brugnera Friulintagli), tricolore dei 60 e 200 indoor SF40, che è la sorella dell’azzurra Marzia.

 

Gran finale, per le gare inserite su proposta del consigliere federale Gerardo Vaiani Lisi, dedicato ai 100 maschili (ore 18.55) in cui è iscritto l’abruzzese Giulio Morelli (Olimpia Amatori Rimini), rugbista che nel ’94 ha vinto lo scudetto della palla ovale con L’Aquila e ha messo a segno la doppietta 100-200 metri M55 ai Mondiali master di Malaga. Pronti a sfrecciare sul rettilineo dell’Olimpico fra gli altri Emiliano Raspi (Atl. Volterra), oro europeo dei 100 M45, il vincitore della scorsa edizione Andrea Benatti (Toscana Atl. Futura, SM45), lo specialista dei 400hs Aramis Diaz (Atl. Biotekna Marcon) e due campioni continentali M50 della staffetta indoor, Roberto Barontini (Atl. Pistoia) e Walter Comper (Atl. Virtus Castenedolo).